MikimotoMikimoto

la nostra storia


Back
1893

Coltivata per la prima volta al mondo una perla semisferica

Dopo anni di duro lavoro, Kokichi Mikimoto riesce a coltivare una bellissima perla semisferica. Si tratta di un evento epocale: è la prima perla che sia stata mai coltivata da un essere umano.
1899

Apre il negozio di perle Mikimoto

La prima boutique di perle Mikimoto apre i battenti a Tokyo, nell’elegante quartiere commerciale di Ginza, dove si possono ammirare le ultime tendenze della moda occidentale. Kokichi Mikimoto rafforza velocemente la sua posizione nel retail dei gioielli di lusso.
1905

Coltivata per la prima volta al mondo una perla sferica

Continuando la sua instancabile ricerca, Kokichi Mikimoto riesce a coltivare una perla perfettamente rotonda. Poco tempo dopo incontra l’imperatore Meiji a Ise Shrine e rivela: “Voglio valorizzare con le perle il decolleté di tutte le donne del mondo”.
1907

Fondazione del laboratorio orafo Mikimoto

Affascinato dal design moderno e dalle tecniche della gioielleria europea, Kokichi Mikimoto fonda una fabbrica per dare vita allo stile unico Mikimoto. La fabbrica, prima in Giappone a occuparsi della produzione completa di gioielli, trasforma la moda delle perle di coltura.
1913

Apertura del primo negozio internazionale

Il primo negozio internazionale di perle Mikimoto apre a Londra nel 1913. Presto ne seguiranno molti altri.
1914

Primo allevamento di perle nere dei Mari del Sud

Superando gli ostacoli posti dalla profondità delle acque e dalle temperature elevate, nel 1931 Mikimoto riesce a coltivare la prima perla dei Mari del Sud nell’allevamento di ostriche nei pressi dell’isola Ishigaki. Questa favolosa gemma è una perla nera dei Mari del Sud di 10 millimetri.
1926

Pagoda di cinque piani presentata all’Esposizione Universale

L’elegante pagoda di cinque piani, ispirata al tempio Horyuji e rivestita di perle coltivate Mikimoto, desta lo stupore del pubblico all’Esposizione Universale di Philadelphia. L’opera è oggi esposta al Museo delle perle, sull’Isola delle perle Mikimoto.
1927

Incontro con Thomas Edison

Kokichi Mikimoto incontra l’inventore Thomas Edison nella sua casa di New York. Ammirato, Edison afferma: "Ci sono due cose che non si potrebbero creare nel mio laboratorio: i diamanti e le perle”.
1930

Invito al Palazzo Imperiale

Riconosciuto dall’imperatore come uno dei 10 più grandi inventori giapponesi, Kokichi Mikimoto viene invitato a cena al Palazzo Imperiale, insieme ad altri inventori.
1932

Bruciate le perle di scarsa qualità

Per dimostrare il suo impegno etico e artistico nei confronti della qualità, Kokichi Mikimoto dà alle fiamme delle perle di bassa qualità davanti alla Camera di Commercio di Kobe. I giornalisti stranieri presenti a Kobe diffondono al mondo il suo messaggio.
1933

Modellino della residenza di George Washington all’Esposizione Universale

Mikimoto presenta un modellino di Mount Vernon all’Esposizione Universale di Chicago. Decorata con 24.328 perle, quest’opera di grande valore viene donata alla Smithsonian Institution di Washington D.C., dove rimane ancora oggi.
1937

"Wheels of Arrows" all’Esposizione di Parigi

Lo Yaguruma, un fermaglio che può assumere 12 forme diverse, ottiene grande successo all’Esposizione di Parigi, segnando un importante passo avanti nel design dei gioielli multifunzionali. L’opera, venduta a Parigi, scompare dalla scena pubblica sino al 1989, quando viene acquistata a un’asta a New York dall’Isola delle perle Mikimoto, dove permane ancora oggi.
1939

Riproduzione della Liberty Bell all’Esposizione Universale

Mikimoto riproduce la Liberty Bell di Philadelphia per l’Esposizione Universale di New York del 1939. La sua decorazione, ottenuta con 12.250 perle e 366 diamanti, le vale il soprannome di “Million Dollar Bell”. L’opera è oggi esposta al Museo delle perle Mikimoto.
1954

Marilyn Monroe riceve da Joe DiMaggio un collier di perle Mikimoto

Durante la luna di miele in Giappone, Joe DiMaggio omaggia la moglie con un regalo degno della sua bellezza: un collier di perle coltivate Akoya da 16 pollici (40,6cm). Qui mostrato nella sua scatola ovale originale, è uno dei pochi gioielli “veri” posseduti dall’attrice, che lo custodì con cura.
1957

Corona di perle per il Cherry Blossom Festival

Il National Cherry Blossom Festival di Washington D.C. si svolge ogni anno per celebrare l’amicizia fra Stati Uniti e Giappone, iniziata formalmente nel 1912. Nel 1956 Mikimoto crea la corona per il festival e la dona al comitato organizzativo per il coronamento annuale della Cherry Blossom Queen.
1969

Mikimoto vince i DeBeers Diamonds International Awards

I Diamond International Awards sono i premi più prestigiosi dell’industria del design di gioielli. Con la spilla "Prelude to Space", Mikimoto vince il premio per la prima volta.
1975

Apre il negozio sulla Fifth Avenue di New York

Nonostante nel 1959 Mikimoto avesse aperto una boutique di perle all’interno dei grandi magazzini Takashimaya di New York, questo è il primo negozio indipendente di Manhattan, situato sulla prestigiosa Fifth Avenue. Nel 1995 il negozio si trasferisce nell’attuale location, sempre sulla Fifth Avenue.
1986

Apre il negozio di Parigi

Mikimoto apre i battenti della sua boutique parigina in Place Vendôme, conosciuta in tutto il mondo come meta per lo shopping di lusso.
1995

Apre il negozio di Londra

Mikimoto si stabilisce a Londra in New Bond Street. Situata nelle vicinanze di Buckingham Palace, questa elegante strada londinese ospita molte delle migliori gioiellerie al mondo.
2001

Collezione Princess Grace

Riprendendo come motivo la rosa Princesse de Monaco, così chiamata in onore della principessa Grace, Mikimoto lancia una collezione in edizione limitata che vuole essere simbolo di eleganza e bellezza assoluta. Una parte delle vendite viene devoluta alla Princess Grace Foundation – USA per promuovere giovani artisti.
2002

Collezione Pearls in Motion™

Viene lanciata la collezione Pearls in Motion™. Il design versatile, giocoso e funzionale delle perle di coltura Mikimoto è pensato per adattarsi ad ogni stato d’animo. Il meccanismo brevettato consente a ciascuna perla di essere spostata a piacimento lungo una catena d’oro 18kt, ottenendo da un solo gioiello una varietà infinita di stili.
2002

Corone per Miss Universo, Miss USA e Miss Teen USA

L’intricato design delle corone Mikimoto, impreziosite da diamanti e perle di coltura bianche dei Mari del Sud e Akoya, riprende l’antico mito della fenice che risorge dalle ceneri, come simbolo di status, potere e bellezza straordinaria.
2005

Mikimoto apre il secondo negozio a Ginza

La nuova boutique, progettata dal celebre architetto Toyoo Ito, diventa subito un simbolo di Ginza. Ispirandosi al misterioso fascino di un portagioie e immaginando bolle intorno a perle e petali sospesi, Ito ha dato vita a un’opera d’arte che è ormai una tappa obbligata per tutti i visitatori di Ginza.
2006

Tournament of Roses di Pasadena

Con orgoglio Mikimoto entra nella storia e nella tradizione del Tournament of Roses® di Pasadena, disegnando la corona Rose Queen® e i diademi per la “Corte reale”.
2007

Collezione “Stormy Weather” di Yohji Yamamoto

Mikimoto e lo stilista di moda Yohji Yamamoto uniscono i loro talenti per creare un’eccezionale e raffinata linea di gioielli in edizione limitata.
2008

Mostra di obidome al JAPAN! culture + hyperculture

Il John F. Kennedy Center for the Performing Arts di Washington D.C. riunisce il meglio della cultura giapponese. Mikimoto viene invitata a esporre le proprie collezioni storiche di rari fermagli, o obidome, un tipo di spilla che si indossa sul petto con il kimono tradizionale.
2008

Libro per il 150° anniversario

Il libro, intitolato “Mikimoto” ed edito da Assouline Publishing, racconta la storia della ricerca di un uomo per svelare il segreto di una gemma emblematica della natura. La pubblicazione coincide con il 150° anniversario della nascita di Kokichi Mikimoto.
Back

La Filosofia

Our Philosophy

Il Fondatore

Our Founder

la nostra storia

Our History